pet immune

  • Guida alla scelta del sistema di allarme e antifurto casa

    Guida alla scelta del sistema di allarme e antifurto casa.

    Spesso accade di installare un antifurto casa per proteggere la propria casa solo dopo che si è subito un furto, quindi si fa in maniera veloce, senza valutare attentamente quali siano i vari tipi proposti dal mercato e qual è quello più adatto alle proprie esigenze.

    Non tutti gli impianti antifurto sono uguali e, prima di scegliere quale acquistare e installare, è necessario esaminare con attenzione vari modelli e avere la consapevolezza di quale sia quello più adatto al proprio caso.

    Tra l'altro è possibile trovare dei pratici kit antifurto casa fai da te, che non richiedono la presenza di un tecnico per l'installazione e con la funzione wireless senza interventi alle murature.

    Il primo passo è di scegliere il tipo di centralina, quindi le funzionalità base del sistema di allarme, le centraline si dividono principalmente in 4 gruppi.

    Le Centraline di allarme si dividono in:

    • ANTIFURTO GSM
    • ANTIFURTO GSM/PSNT
    • ANTIFURTO IP
    • ANTIFURTO IP + GSM

    Queste 3 tecnologie ci permettono di gestire il sistema di allarme ed essere avvisati in caso di allarme in maniera differente sfruttante tecnologie di comunicazione differente.

    Un elenco delle nostre centraline lo troverai qui

    Antifurto GSM: Un antifurto GSM sta a significare che è possibile inserire nella centralina una scheda SIM (scheda telefonica) in caso di allarme è possibile ricevere una chiamata o un SMS in caso di allarme. La seconda particolarità di queste centraline è nella gestione remota, in altre parole tramite l’invio di un SMSè possibile abilitare/disattivare l’antifurto. Le App per smartphone di questa tipologia infatti comunicano con la centralina attraverso gli SMS.

     

    Antifurto GSM/PSNT: Ci sono alcuni Antifurti che oltre ad avere la funzione GSM sopra citata hanno anche la funzione PSTN, in altre parole la possibilità di collegare la linea telefonica di caso di allarme, quindi inoltrare telefonate direttamente dalla linea telefonica di casa.

    Antifurto IP: Queste centraline vanno a interfacciarsi con la linea Wifi di casa, quindi elemento molto importante è quello di avere una linea internet con router Wifi. Queste centraline sono molto semplici da utilizzare e configurare, difatti basta avere uno smartphone e in pochi passaggi andrete a configurare tutto il vostro sistema di allarme.

    Antifurto IP + GSM: Queste centraline di allarme hanno entrambe le tecnologie sopra citate quindi funzione GSM, invio di chiamate in caso di allarme e la funzione Wifi, una doppia tecnologia per una doppia sicurezza.

    Che sia un Antifurto IP o un Antifurto Tradizionale GSM, i sensori possono essere collegati in due modi.

    • Sensori Cablati
    • Sensori Wireless

    Tutte le centraline hanno la particolarità della funzione Wireless alla quale connettere i vari sensori, da non confondere con il wifi del router di casa. La maggior parte delle centraline di allarme lavora su una frequenza a 315/433 MHz oppure a 868 MHz, quindi bisogna associare sensori con la stessa frequenza. Tutte le centraline hanno a corredo normalmente 1 sensore Porta/Finestre, 1 Sensore PIR, 2 Telecomandi e una sirena incorporata. Quindi il prossimo aspetto che bisogna tener conto per avere un sistema di allarme è proprio quello legato ai sensori, se avete più stanze e/o zone da sorvegliare è necessario aggiungere più sensori.

    Guarda le nostre centraline antifurto ora

    Vediamo i sensori :

    sensore-porta-fin

     

    Sensore Porta/Finestre: Il sensore porta/finestre vengono utilizzati proprio sulle porte e/o finestre. Tali sensori hanno un magnete che aziona l’allarme quando c’è un allontanamento o avvicinamento delle due parti.

     

     

     

    pirSensore PIR: Il sensore PIR acronimo di Passive Infra Red è un sensore elettronico che misura i raggi infrarossi (IR) irradiati dagli oggetti nel suo campo di vista. Questi sensori sono molto usati come rilevatori di movimento, che inviano un segnale di allarme in caso di movimento, i sensori PIR possono essere da interno, da esterno o con il “PET Immunity”.

    Il “PET Immunity” è un sensore intelligente che è in grado di comprendere la dimensione del soggetto in movimento, quindi distinguere se il movimento è causato da un animale di piccola taglia o un essere umano. Esistono i Pir da interno e i pir da esterno.

    sens-fumo

     

    Sensore Fumo / GAS: Il sensore fumo o GAS è un particolare sensore che è in grado di azionarsi al rilevamento di fumo, gas, gas naturale e gas di petrolio.

     

     

     

     

    sensore-vetro

     

    Sensore Rotta Vetro: Questo sensore ha un delicato sistema interno che è in grado di azionarsi quando c’è un forte impatto.

     

     

     

     

     

    sensore-acqua

     

    Sensore Livello Acqua: Questo sensore è in grado di identificare il livello d’acqua presente, superata una certa soglia si azionerà.

     

    Uno degli ultimi accorgimenti da fare è quello della scelta della sirena, come si diceva prima alcune centraline hanno una sirena interna incorporata o nella confezione da collegare, ma questo si limita a un segnale sonoro solo interno, quindi difficilmente udibili esternamente, per questo motivo si consiglia l’associazione di una sirena esterna. Come i sensori anche le sirene hanno delle frequenze e funzionalità differenti.

    Generalmente le sirene si differenziano dalla potenza del loro suono che va espressa in decibel (dB) e da tipo di alimentazione.

    sirena-sol

    Sirena con Pannello Solare: Una sirena molto versatile che semplifica molto la sua installazione, difatti non serve far passare cavi di alimentazione, grazie al suo pannello solare permette di ricaricarsi continuamente. Ha una potenza di 120 dB.

     

     

     

    sirena-1
    sirena-2Sirena da Esterno:
    Questa sirena ha una batteria incorporata che permette di funzionare anche quando non c’è corrente, le sirene vanno scelte in base all’autonomia e al i db che sono in grado die erogare. I Due modelli che vedete hanno due diverse autonomie senza elettricità e 110 la prima e 120db la seconda.

     

     

    Conclusioni

    È possibile configurare un sistema di antifurto in modo autonomo facendo attenzione ad alcuni parametri. E’ possibile montarli da soli o chiamare il proprio elettricista per configurare il tutto.

    Per chi avesse dubbi e si sentisse insicuro sulla scelta del migliore modello di antifurto per la propria casa, può oggi contare sul nostro personale specializzato a disposizione degli utenti che illustrano le funzionalità dei vari sistemi d'allarme, oltre ad un forum attraverso il quale possono dialogare direttamente con esperti del settore.

    Ora che sai come scegliere un antifurto casa dai un occhiata ai vari prodotti!

1 oggetto(i)

Promozione Fototrappola